Alessandro Fullin

Alessandro Fullin

Alessandro Fullin è triestino di nascita, Bolognese di adozione (ha studiato al DAMS nei favolosi anni ’80) e torinese (attualmente) di residenza.

 
La sua cifra comica è figlia del surrealismo e della grande ironia. Acuto e raffinato osservatore delle debolezze, delle contraddizioni e delle follie umane, nelle sue opere (scritte o teatrali) Fullin pesca a piene mani dalla grande letteratura, da Wilde a D’Annunzio a Omero, con esilaranti risultati, spesso evidenti già dai titoli: “Come fidanzarsi con un uomo senza essere donna”, “Un delitto senza importanza: chi ha ucciso Oscar Wilde?”, “Pomodori sull'orlo di una crisi di nervi”, “Le Serve di Goldoni”.
 
I suoi personaggi, primo fra tutti la isterica insegnante di una lingua morta “Tuscolana”, sono noti per aver calcato i palcoscenici di trasmissioni televisive come Zelig, Belli dentro (su Canale5), Comedy Lab (su MTV), G-Day (su la 7).
 
A teatro è stato autore e interprete di numerosi spettacoli che hanno riscosso ottimi successi di pubblico e critica. Tra gli altri : L’auto dei comizi (con la regia di Andrea Adriatico, produzione Teatri di vita, 2003), Le serve di Goldoni (coproduzione Teatri di vita-Biennale di Venezia, 2007), Gengis Khan: ovvero il problema del Tartaro (con Clelia Sedda) e Un delitto senza importanza: chi ha ucciso Oscar Wilde? (con la regia di Roberto Piana). Di quest’ultimo, egli stesso ha avuto modo di commentare: “In questo spettacolo non faccio ruoli etero, detesto la fantascienza…”.
 
Dal 2016 Alessandro Fullin porta nei teatri Piccole Gonne, esilarante e raffinata rivisitazione del famigerato classico della letteratura americana.
Dalla stagione 2016/2017 è in tour anche con La Divina, nuova parodia della Divina Commedia di Dante Alighieri, condita come sempre da aforismi esilaranti e pungenti ironie.

 

Casino sites http://gbetting.co.uk/casino with welcome bonuses.